Il cammino degli adolescenti nella nostra Parrocchia si struttura in cinque anni.
Proseguendo l’itinerario mistagogico delle scuole medie gli adolescenti prendono contatto con la realtà che li circonda e iniziano, a poco a poco, a rileggere la propria vita, secondo l’ottica del Vangelo di Gesù…proprio con quegli occhiali che lo Spirito Santo ha loro donato nella Confermazione e sempre trovando la Celebrazione Eucaristica domenicale come culmine e fonte della loro vita.

Primo anno … “Vedo

E’ l’anno in cui i ragazzi vengono invitati a guardarsi intorno, scoprire chi sono e cosa vogliono dalla loro vita. Soprattutto sono invitati a scoprire quante opportunità vengono loro offerte nella propria vita. Attraverso la partecipazione a tutte le iniziative liturgiche e di approfondimento che l’Unità Pastorale offre, ci si scoprirà parte di un mondo…quel mondo che Gesù ha amato e per il quale è morto in croce. La gratitudine sarà il sentimento che i ragazzi saranno invitati a far maturare in loro in questo primo anno.

Il centro della vita del gruppo sarà la riscoperta della Messa domenicale: perché l’Eucaristia insegni la gratitudine come stile di vita.

Secondo anno … “Cerco

E’ inevitabile che nascano le domande…le domande fondamentali che ad un certo punto della vita ogni uomo si pone. E si cerca un ambito in cui dar risposta ad esse. E’ un momento delicato, questo, nella vita di un adolescente: fondamentale è il bisogno di sentirsi accolto.

La Parrocchia, in questo contesto, non solo fornirà i locali per accogliere i ragazzi, ma anche occasioni reali in cui nessuno debba vergognarsi di esprimere i propri dubbi e possa realmente mettersi in ricerca. Oltre che agli appuntamenti liturgici settimanali e gli altri straordinari che l’Unità Pastorale prevede, si cercheranno appuntamenti extra che il gruppo inizierà a programmare…

Momenti in cui mettersi in ricerca e, con l’aiuto dei sacerdoti e degli educatori e il confronto con alcuni adulti, comprendere che vivere è un continuo porsi in discussione, per cercare proprio quale sia la volontà, il progetto del Signore sulla vita di ciascuno.

Terzo anno … “T(P)rovo

“Chi cerca, trova”… dice Gesù nel Vangelo e ognuno, a questo punto, dovrebbe, dopo due anni, aver compreso qual è la sua strada e in che ambito il Signore lo chiama a vivere il suo progetto di amore… I ragazzi si interrogheranno su come vive ed è ordinata la loro Comunità parrocchiale; comprenderanno che essa è il luogo dove l’essere servi, sull’esempio di Gesù, è la regola fondamentale, la condizione necessaria della sua sussistenza.E cercheranno, in momenti nevralgici della vita della Parrocchia, di cimentarsi in qualcuno di questi servizi. I servizi saranno scelti d’accordo con i sacerdoti e gli educatori, in essi i ragazzi tenteranno di mettere in pratica, quindi, l’invito di Gesù di lavarsi i piedi gli uni gli altri; così facendo saranno in grado di capire meglio l’ambito e il ministero che li faccia sentire maggiormente a proprio agio.

Quarto anno… “Ci riesco!

Inizia il servizio vero. Mentre il gruppo costituirà il sostegno formativo che accompagnerà i ragazzi, essi, sostenuti dal gruppo e della formazione, sceglieranno di dedicarsi a tempo pieno ad un ministero specifico all’interno della Comunità. Attraverso il loro servizio arricchiranno la Parrocchia e testimonieranno il Vangelo nell’ambito specifico in cui saranno chiamati a lavorare: la catechesi, la liturgia, il tempo libero, la cura delle strutture…

Quinto anno… “Resisto!”

Dai 19 anni in su, la parrocchia propone un cammino di formazione per universitari e non, che… resistono!!! Non è facile arrivare a questa età, continuando a lasciarsi provocare dalla vita della Parrocchia, dal servizio che essa ci richiede, dallo stile attivo e silenzioso di questo servizio…

Chi resiste…è un grande!!! La Parola di Dio sarà la strada, l’Eucaristia domenicale, il motore che spingerà i gruppi. Ogni anno viene scelto un tema biblico che viene svolto nei gruppi. Non ci sono più gli educatori di riferimento intesi in senso classico, solo il “don” proporrà degli spunti di riflessione che insieme saranno sviscerati, discussi…vissuti! E i ragazzi saranno definitivamente pronti per impegnarsi ad un servizio vero e proprio “strutturato” nella Parrocchia e nell’Oratorio…come loro vocazione specifica in favore degli altri.